Le nuvole o il fiocco di neve?

Le nuvole o il fiocco di neve? A Napoli in questo momento ci sono due dolci molto simili che lottano tra loro a suon di crema di latte e bontà. Questi due dolci sono prodotti da due pilastri della tradizione partenopea: la pasticceria Poppella e lo storico tarallificio Leopoldo, diventato da poco anche un’ottima pasticceria. Assaggiate entrambe queste semplici brioscine ripiene di soffice e deliziosa crema di latte io e le mie amiche abbiamo deciso di provare a riprodurle. Che dire? Risultato strepitoso sia per le nuvole che per il fiocco di neve. L’impasto semplice e pressoché identico, le creme entrambe vicine al 99% …mi tengo l’1% di margine giusto per modestia 😉  Qui vi presento le nuvole, qui invece troverete il fiocco di neve. Impasto e crema sono praticamente quasi identici con una sola differenza nella crema. Personalmente ho preferito le nuvole, ma va a gusto. Due dolci molto molto simili ed entrambi golosissimi!

Se il Paradiso tu vuoi toccare

una Nuvola devi mangiare!!

nuvole 4

Le nuvole

Ingredienti per 20 nuvole

Impasto

  • 125 gr di farina 00
  • 100 gr di farina manitoba
  • 40 gr di zucchero
  • 40 gr di burro
  • 8 gr di lievito di birra fresco
  • 85 gr di latte
  • 40 gr di acqua
  • una presa di sale
  • qualche goccia di aroma vaniglia Panenageli

Crema

  • 250 ml di latte intero
  • 2 cucchiai colmi di zucchero semolato (40 gr)
  • 2 cucchiai rasi di amido di mais (20 gr)
  • 300 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai colmi di zucchero a velo (20 gr)
  • una fialetta di aroma vaniglia Panenageli

Per decorare

  • zucchero a velo

nuvole collage

Preparare l’impasto inserendo nella planetaria tutti gli ingredienti tranne il burro. Lavorare utilizzando la frusta K o foglia fino ad incordare. Quando l’impasto sarà incordato, aggiungere il burro (giusto tirato fuori dal frigo 10 minuti prima) in tre volte. Sostituire la frusta K con il gancio e lavorare per pochi minuti fino a rendere l’impasto molto elastico e morbidissimo. Lasciare lievitare fino a triplicare l’impasto dopodiché passare alla pezzatura. Dividere l’impasto in 20 pezzi da 20 gr ciascuno circa. Formare le palline pirlando benissimo ogni singolo pezzo. Mettere a lievitare le palline fino al raddoppio. Quando le palline saranno pronte, cuocere in forno statico a 175°  per circa 7 minuti. Controllare che l’interno sia cotto con uno stuzzicadenti. La cottura sarà veloce per la pezzatura ridotta.

le nuvole

Mentre l’impasto fa la sua prima lievitazione, preparare la crema di latte.

Mescolare lo zucchero con l’amido ed aggiungere il latte leggermente tiepido. Mettere sul fuoco e far addensare. La crema non diventerà molto soda, ma lo farà quando si sarà completamente raffreddata.

Quando la crema sarà freddissima, montare la panna fresca con lo zucchero a velo. Aggiungere alla crema la panna e la fialetta di aroma vaniglia, montando velocemente il tutto. La crema dovrà prendere molta aria per acquistare la classica consistenza nuvolosa.

le nuvole 2

Ed eccoci alla farcitura delle nuvole. Il trucco per avere delle perfette nuvole è farcirle calde! In questo modo la struttura della mollica cede e lascia tutto lo spazio necessario al ripieno. Ciò che vedete in foto non è una esagerazione, il dolce deve essere proprio così. Una leggera pasta intorno con una nuvola di ripieno interno.

Quindi, inserire la crema in una sac a poche con beccuccio liscio, praticare un piccolissimo foro alla base di ogni dolce e farcire. Capirete che di crema non ne entra più quando non potrete più fare pressione con la sac a poche. Le nuvole, inserendo la crema, si fredderanno quasi subito, a questo punto si può decorare con abbondante zucchero a velo e lasciarle riposare un’oretta a temperatura ambiente prima di servirle.

Una nuvola nuvolosissima e golosissima!

le nuvole 3

“COOKING CHALLENGE 2016 – sfida a 4 mani tra food blogger”

Print Friendly
More from sciuesciue

Zucchine alla scapece, l’immancabile contorno estivo!

Facebook Twitter Google+ Pinterest Facebook MessengerLe zucchine alla scapece o cucuzzielli alla...
Read More

60 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *